Informazioni personali

La mia foto
Tu lettore fremi di vita e orgoglio e amore. W. Whitman

mercoledì 5 dicembre 2012

Vanish - La traditrice - Sophie Jordan

Trama:
Jacinda ha tradito il suo clan draki per amore di un cacciatore. Ha rivelato la sua natura trasformandosi in drago proprio davanti agli avversari di sempre, uomini capaci di ogni malvagità. Era l'unica cosa da fare per salvare la vita a Will, il suo amore, il suo nemico. Senza l'intervento di Cassian, il principe ereditario, Jacinda sarebbe finita peggio che morta, e di fronte a un gesto simile, nessuna ragazza può restare indifferente. Il compromesso è stato abbandonare Will e tornare a vivere nel clan, ma non più come futura regina. Nessuno parla a una traditrice, nessuno vuole avere a che fare con lei, nessuno la capisce. Nemmeno la sorella gemella, perdutamente innamorata di Cassian. Tutto si complica quando Will supera le barriere protettive del clan per ritrovare Jacinda e, senza saperlo, si porta dietro la sua famiglia. Tutti cacciatori, dal primo all'ultimo.

SCHEDA TECNICA:
COPERTINA: BELLA E COERENTE CON LA STORIA
PREZZO: 16.50€ PER 259 (FINTE!!!)PAG.
STRUTTURA: AMPIA E LARGA E ADDIRITTURA CI SONO PAGINE BIANCHE CHE VENGONO CONTATE!!

Eccoci con il seguito di Firelight. Jacinda e la sua famiglia sono in macchina con Cassian e tornano a casa ma nel tragitto incontrano un ostacolo però, come si suol dire, non tutti i mali vengono per nuocere: infatti in questa occasione, succederà un evento che cambierà il corso della vita dell'intero clan. Non posso dire più di tanto perché altrimenti sarebbe SPOILER e mi limito a dire quali emozioni mi ha suscitato questo libro. Innanzi tutto non capisco il perché di questo prezzo esorbitante, esorbitante riferito alla qualità del libro! La storia in sé potremmo ridurla a circa 50 pagine, il resto è dedicato alle torture psicologiche che si fa Jacinda. Non fa altro che lamentarsi e piangere, in ogni singolo capitolo ci sono sempre e solo i suoi piagnistei e dopo un pò tutto questo da noia; la storia infatti non è poi tanto male, la fantasia di creare degli eventi particolari c'è ma le lamentele di Jacinda sono insopportabili. L'ho quasi odiata come personaggio; insomma nel primo libro era coraggiosa, ingegnosa, orgogliosa, qui è piagnucolona, si tappa gli occhi per non vedere la realtà, si assume colpe che non ha! Insomma capitemi! Sento di consigliare questo libro solo ed esclusivamente a quelle persone che sono curiosissime di sapere come continua questa saga, per chi invece inizia questa saga consiglio di non aspettarsi troppo da questo libro.
Spero vivamente che il prossimo libro sia un bel mattone di 400 (però stavolta reali!)pagine e che la Jordan capisca che sì, lo stato d'animo di Jacinda lo vogliamo conoscere, ma in primo piano vogliamo gli eventi e l'azione.

BUONE LETTURE A TUTTI :)

Nessun commento:

Posta un commento