Informazioni personali

La mia foto
Tu lettore fremi di vita e orgoglio e amore. W. Whitman

giovedì 24 gennaio 2013

Finchè le stelle saranno in cielo - Kristin Harmel

Trama:
Da sempre Rose, nell'attimo che precede la sera, alza lo sguardo a cercare la prima stella del crepuscolo. È quella stella, anche ora che la sua memoria sta svanendo, a permetterle di ricordare chi è e da dove viene. La riporta alle sue vere radici, ai suoi diciassette anni, in una pasticceria sulla rive della Senna. Il suo è un passato che nessuno conosce, nemmeno la sua amatissima nipote Hope. Ma adesso, prima che sia troppo tardi, è venuto il tempo di dar voce al suo ultimo desiderio: ritrovare la sua vera famiglia, a Parigi. E, dopo settanta lunghi anni, di mantenere una promessa. 
Rose affida questo compito alla giovane Hope, che non ha nulla in mano se non un elenco di nomi e una ricetta: quella dei dolci dal sapore unico e inconfondibile che da anni prepara nella pasticceria che ha ereditato da Rose a Cape Cod. Ma prima di affidarle la sua memoria e la sua promessa, Rose lascia a Hope qualcosa di inatteso confessandole le proprie origini: non è cattolica, come credeva la nipote, ma ebrea. Ed è sopravvissuta all'Olocausto. Hope è sconvolta ma determinata: conosceva l'Olocausto solo attraverso i libri, e mai avrebbe pensato che sua nonna fosse una delle vittime scampate all'eccidio. Per questo, per dare un senso anche al proprio passato, Hope parte per Parigi. Perché è nei vicoli tra Place des Vosges, la sinagoga e la moschea che è nata la promessa di Rose, una promessa che avrà vita finché le stelle saranno in cielo.Sarà proprio lo sguardo curioso e appassionato della giovane Hope a svelarne il segreto fatto d'amore, di vite spezzate e soprattutto – come indica anche il suo stesso nome – di speranza. E a rivelare anche al lettore un segreto ancora più misterioso, una luce inattesa negli anni bui dell'Olocausto, un evento tanto storicamente accertato quanto poco conosciuto, che tuttavia ha salvato dall'orrore le vite di molte persone.


Cinque edizioni in 20 giorni

La protagonista è Hope una donna sui trentacinque anni che lascia scivolare via la vita, vedendola piano piano allontanarsi e sgretolarsi e l'unica cosa che fa è stare a guardare. E' una donna che ha perso molto ma l'unica cosa che desidera è cercare di mettere la testa sotto la sabbia. Sua nonna Rose è in una clinica, sua madre Josephine è morta per un tumore al seno, sua figlia Annie dodicenne le ripete che la odia e il suo ex marito Rob la tratta come se fosse una perfetta idiota. Poi c'è Gavin un aggiusta tutto. Rose è una donna molto anziana che ora soffre d'Alzheimer ma nei suoi momenti di lucidità, il passato la sconvolge come un fiume in piena. L'unica cosa che ora può fare è far riemergere la verità ma soprattutto rendere Hope una persona capace di amare.

I temi trattati in questo libro sono profondi ed emozionanti. Non solo viene descritto l'orrore dell'Olocausto, ma i messaggi che la scrittrice cerca di mandare ai lettori sono intensi, profondi, veri,meravigliosi. I divari religiosi possono essere superati? Sì. L'amore eterno esiste? Sì, bisogna solo essere svegli nel riconoscerlo e abbastanza coraggiosi per afferrarlo. Il passato si può dimenticare? No, ma si può risorgere da esso sempre con coraggio e amore. E la famiglia? La famiglia conta più di ogni altra cosa al mondo.
Ecco i temi di questo libro, ecco perché questo libro deve essere letto. Dobbiamo continuare a ricordare. 
Vi lascio con una frase che spero possa entrarvi nel cuore come è successo a me: "Se c'è qualcosa che ho imparato è che ci rivolgiamo tutti allo stesso Dio, solo che lo chiamiamo con nomi diversi. Non è la religione a dividere gli uomini. Sono il bene e il male sulla terra a dividerci"

Editore: Garzanti
Pagine: 363
Prezzo: 16,40€

La scrittrice si sta dedicando a un nuovo romanzo i cui temi sono, come in questo, la famiglia, l'amore e la perdita.

La conoscenza abbatte il pregiudizio
K.Harmel


Nessun commento:

Posta un commento